NEWS

Guida completa agli incentivi per il fotovoltaico

Facciamo chiarezza sugli incentivi previsti dal governo per l’installazione di un impianto fotovoltaico, dalle novità introdotte nel 2023 fino ai dettagli per poter ottenere le agevolazioni a disposizione di privati e aziende.

L’installazione di un impianto fotovoltaico offre numerosi vantaggi, dal poter produrre energia pulita per ridurre l’impatto ambientale legato al consumo energetico, al risparmio sui costi in bolletta. Per quanto riguarda gli incentivi per il fotovoltaico, nel 2023 sono state apportate diverse modifiche rispetto agli anni precedenti, con nuove novità che è importante conoscere per pianificare al meglio gli investimenti nelle energie rinnovabili. Ecco tutto ciò che occorre sapere sul “quasi” ex bonus fotovoltaico 2023, con le informazioni aggiornate sui requisiti e sui beneficiari.

Cosa si intende per Bonus Fotovoltaico

Il Bonus Fotovoltaico consiste in un’agevolazione che è possibile ottenere quando un cittadino o un’impresa decide di installare un impianto fotovoltaico presso la propria proprietà. Questa opportunità permette di risparmiare sui costi energetici e contribuire a ridurre il consumo di energia elettrica.

Puoi richiedere questa detrazione sia attraverso il Bonus Ristrutturazione che tramite il Superbonus 110%. In alternativa, puoi usufruire dell’Ecobonus 65% per ottenere una detrazione sulle spese. Le modalità di richiesta, le percentuali e i limiti massimi di detrazione fiscale variano a seconda del bonus scelto. Ad ogni modo, le regole da seguire per poter usufruire di uno o entrambi i bonus sono stabilite dalla Legge di Bilancio 2022.

Come funziona il bonus fotovoltaico nel 2023

Un impianto fotovoltaico offre numerosi vantaggi sia per le abitazioni che per le aziende, poiché consente di migliorare l’efficienza energetica e ridurre l’impronta di carbonio. Questa tecnologia green permette di ridurre il consumo di energia elettrica, portando a risparmi economici sulla bolletta e benefici ambientali grazie alla diminuzione delle emissioni di gas serra.

Un’importante novità introdotta quest’anno dal Decreto Legislativo 11/2023 è la fine della cessione del credito e dello sconto in fattura, che riguarda tutti i nuovi interventi avviati a partire dal 17 febbraio 2023. In questi casi, è possibile recuperare la parte della spesa prevista dall’incentivo attraverso una detrazione fiscale da richiedere nella dichiarazione dei redditi, diluita nel corso di alcuni anni.

Tuttavia, in alcuni casi specifici, è ancora possibile cedere il credito se si rispettano determinate condizioni entro il 16 febbraio 2023. Ad esempio:

  • se i lavori sono già iniziati senza bisogno di un titolo abitativo

  • se è stata presentata una richiesta del titolo abitativo, se necessario

  • in caso di acquisto di un immobile da un’impresa che ha eseguito i lavori di ristrutturazione, è necessario che sia stato stipulato l’atto di compravendita o registrato il contratto preliminare dell’abitazione

Per quanto riguarda gli impianti fotovoltaici coperti dal Superbonus, è ancora possibile usufruire della cessione del credito se sono state rispettate condizioni specifiche:

  • se è stata presentata una Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (CILA) entro il 16 febbraio 2023

  • se è stata presentata una richiesta di acquisizione del titolo abitativo per interventi di demolizione e ricostruzione dell’edificio

  • se è stata ufficializzata una delibera assembleare per l’approvazione dei lavori e presentata una CILA entro il 16 febbraio 2023 per interventi realizzati dai condomini

È importante notare che ci sono ancora alcune agevolazioni disponibili per i privati che desiderano beneficiare del bonus fotovoltaico. Queste includono:

  • il Superbonus per gli interventi di efficienza energetica e adeguamento antisismico

  • il bonus ristrutturazione per la riqualificazione degli immobili

  • l’agevolazione IVA con aliquota ridotta per il fotovoltaico

A causa dell’aumento del costo dell’energia elettrica, molte famiglie e imprese hanno scelto di installare pannelli fotovoltaici per ridurre le spese energetiche. Tuttavia, è fondamentale conoscere le caratteristiche di ogni misura per poter sfruttare al meglio gli incentivi disponibili.

Dubbi sul fotovoltaico?

Contattaci per una consulenza

Le tre agevolazioni principali del Bonus Fotovoltaico

1. Superbonus Fotovoltaico 2023: dal 110% diventa del 90%

Il Superbonus per gli impianti fotovoltaici è stato ridotto dal 110% al 90% nel 2023. Tuttavia, ci sono alcune eccezioni che possono ancora beneficiare della detrazione del 110%. Tra queste:

  • gli interventi su unità monofamiliari completati entro il 31 marzo 2023, con almeno il 30% dei lavori ultimati entro il 30 settembre 2022

  • gli interventi in condominio approvati entro il 18 novembre 2022, tramite delibera assembleare

  • gli interventi di demolizione e ricostruzione con richiesta di acquisizione del titolo abitativo entro il 31 dicembre 2022

Per tutti gli altri scenari, il Superbonus offre la possibilità di ottenere uno sconto fiscale del 90% nel 2023 per i lavori ammessi dal programma di agevolazione edilizia. Questo incentivo è rivolto a una vasta gamma di beneficiari, tra cui

  • Persone fisiche

  • Istituti Autonomi Case Popolari (IACP)

  • Condomini

  • Cooperative

  • Associazioni e società sportive dilettantistiche

  • Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS)

Il suo obiettivo è agevolare una serie di lavori principali, come l’isolamento termico degli edifici, la sostituzionedei sistemi di riscaldamento invernale e interventi antisismici.

Se si effettua un progetto principale, è possibile beneficiare dell’agevolazione anche per alcuni interventi secondari, come l’installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo. Per i privati, la scadenza per usufruire del Superbonus al 90% è fissata al 31 dicembre 2023. Successivamente, è prevista una riduzione graduale della detrazione fiscale al 70% nel 2024 e al 65% nel 2025. È importante rimanere aggiornati sulle modifiche normative e sugli obblighi relativi all’efficienza energetica e alla ristrutturazione per poter accedere a questi incentivi.

Ecotec è al tuo fianco

per supportarti nella scelta e nell’installazione di un impianto fotovoltaico.

2. Il Bonus Fotovoltaico tramite il Bonus Ristrutturazione

La scelta principale per ottenere una deduzione quando si installano pannelli fotovoltaici è quella del Bonus Ristrutturazione, che permette di apportare importanti modifiche alla propria casa o impresa. Con questo bonus, è possibile coprire le spese legate all’installazione dei pannelli, compreso il collaudo, la manutenzione, la messa in opera e tutte le altre procedure necessarie per garantire il corretto funzionamento dell’impianto.

Ma come funziona esattamente il bonus per i pannelli fotovoltaici con il Bonus Ristrutturazione?

Il Bonus Ristrutturazione copre gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. In questo caso, la deduzione sarà del 50% delle spese sostenute da coloro che desiderano installare questi pannelli nella propria proprietà. La scadenza per ricevere queste agevolazioni fiscali è fissata al 31 dicembre 2024 e ammette una spesa massima pari a96 mila euro. L’importo sarà diviso in dieci anni, con quote equivalenti, da recuperare mediante sgravio fiscale. Ad esempio, se la spesa massima sostenuta è di 10.000 euro, il bonus sarà suddiviso in 10 rate da 500 euro, coprendo il 50% delle spese totali.

L’importo massimo è altresì riconosciuto per ogni residenza individuale, anche se ci si riferisce ai condomini. Naturalmente, nel secondo scenario, è possibile moltiplicare il totale a disposizione per il numero di unità presenti nell’edificio, e le detrazioni verranno calcolate sulla base della quota millesimale di ciascun condomino, il quale potrà godere dell’agevolazione in maniera individuale.

Sono ammissibili in detrazione:

  • le spese sostenute per il lavoro manuale
  • i costi di progettazione
  • le spese relative all’installazione del sistema fotovoltaico
  • il compenso per la verifica della conformità dei lavori alle normative vigenti
  • le spese per perizie e ispezioni
  • l’IVA
  • il bollo
  • le autorizzazioni necessarie

 

L’Agenzia delle Entrate ha specificato che coloro che installano un impianto fotovoltaico e ne richiedono la detrazione al 50% nella dichiarazione dei redditi hanno diritto a ulteriori agevolazioni come ad esempio il Bonus Mobili. Questo bonus consiste nella detrazione Irpef del 50% su una spesa fino a un massimo di 8 mila euro per l’acquisto di grandi elettrodomestici e di mobili. Tuttavia è bene ricordare che è necessario possedere due requisiti:

  • la configurazione dell’intervento come manutenzione straordinaria
  • capacità dell’impianto di coprire i bisogni energetici dell’abitazione

 

Chi può usufruire del Bonus Ristrutturazioni per i pannelli fotovoltaici?

L’agevolazione è dedicata agli individui che detengono diritti di godimento su un immobile. Se tale proprietà è idonea alla ristrutturazione, inclusa l’implementazione di un sistema fotovoltaico per il miglioramento dell’efficienza energetica, si apre la possibilità di ottenere un incentivo per questo genere di intervento.

Pertanto, coloro che possono trarre vantaggio da questo bonus includono:

  • Il proprietario o il nudo proprietario
  • Il titolare di un diritto di uso, abitazione, superficie o usufrutto
  • L’inquilino o l’utilizzatore a titolo gratuito
  • I membri di cooperative divise e indivise
  • Gli associati di società semplici
  • Gli imprenditori individuali, ma solamente per gli edifici non adibiti a scopo strumentale o merce

3. Per gli impianti fotovoltaici IVA agevolata al 10%

Il pacchetto del Bonus Fotovoltaico nel 2023 prevede un’ulteriore agevolazione che consiste nell’IVA agevolata al 10%per l’installazione di impianti fotovoltaici. È importante notare che la riduzione IVA, oltre a venire applicata al costo dell’impianto, comprende anche le batterie installate per l’accumulo di energia. Una buona notizia: per questa agevolazione al momento non è prevista alcuna scadenza.

Bonus Fotovoltaico: come richiederlo

Con l’interruzione della cessione del credito e del ricorso allo sconto in fattura, salvo alcune eccezioni ed eventuali proroghe decise dal Governo, l’unico strumento disponibile per richiedere gli incentivi relativi ai vari bonus per l’energia solare rimane ladetrazione fiscale. In pratica, ciò implica che dovrai includere l’intero intervento nel contesto della tua dichiarazione dei redditi, seguendo le procedure specifiche fornite dalle guide dell’Agenzia delle Entrate per ciascuna situazione.

La detrazione IRPEF ti consente di ottenere il rimborso delle spese nel corso di diversi anni, entro i limiti percentuali e le soglie massime previste per ciascun bonus. Ad esempio, per gli interventi coperti dal Superbonus, il rimborso avviene in 4 anni, mentre per quelli agevolati tramite il bonus ristrutturazione, si estende fino a 10 anni. Questo significa che l’agevolazione fiscale ti sarà riconosciuta sotto forma di detrazioni annuali dell’importo agevolato, pertanto, è essenziale assicurarsi di avere un’imposta sufficiente da pagare per recuperare le spese sostenute e soggette all’agevolazione.

Contatta Ecotec

per ricevere assistenza sull'installazione di un impianto fotovoltaico
incentivi-fotovoltaico